Vota questo Articolo

Mi rattrista comunicarvi che Volante, protagonista della gara “Toro de la vega” di cui molte associazioni di animalisti si sono occupati per evitare questo barbaro epilogo, è stato ucciso pochi giorni fa dopo averlo inseguito, infilzato e torturato per circa 20 minuti.


A Tordesillas, in Spagna, si celebra ogni anno la festa del Santo Patrono del piccolo Comune con una gara che consiste nel rincorrere a cavallo e a piedi il toro, cercando di infilzarlo con delle lance lunghe fino a tre metri entro una certa zona, seguiti da centinaia di partecipanti. Chi sferra il colpo di grazia, mozzerà anche coda e testicoli dell’animale, per poi esibirli in parata sulla cima della propria lancia. Il vincitore avrà diritto ad una lancia d’oro, offerta dal Municipio.

All’inizio del torneo, decine e decine di difensori degli animali si erano riuniti vicino alla stalla del toro, cercando di bloccare l’uscita dell’animale prima di essere dispersi dalla polizia, ma a nulla sono servite le proteste degli attivisti spagnoli contro l’uccisione inconcepibile di Volante, vittima di una tradizione assurda e inaccettabile.

Il Partito animalista spagnolo Pacma prenderà in considerazione le immagini e tutte le denunce presentate per far si che questo sia l’ultimo anno in cui si svolgerà il torneo.

Addio toro Volante.


Per ulteriori novità rimani sintonizzato sui nostri canali google+twitterfacebook oppure iscriviti ai nostri Feed

Metti “mi piace” alla nostra pagina facebook