Gli uccellini in gabbia e il loro desiderio di libertà!

Vota questo Articolo

Un imprescendibile spazio va dedicato a tutti gli amanti e appassionati di volatili. Codoni, marangoni, pappagalli, canarini, mestoloni, fischioni, tortore, ghiandaie, beccaccini, balestrucci, topini, migliarini, merli, fringuelli, luì, beccapesci, cutrettole, colibrì e tanti altri, amano le atmosfere caotiche e chiassose, affollate di suoni e di voci, delle foreste e dei boschi in cui sono nati.


Il che, se vogliamo, è facilmente comprensibile. Chi, avendo le ali sulle spalle, non preferirebbe librarsi per l’aria su mari, montagne e laghi, anziché dondolarsi su un trespolo di plastica in un piccolo spazio? Possiamo anche creare ambienti ampi, gabbie enormi con vera o finta vegetazione, acqua, mangimi vari, foglie di insalata fresca, biscotti in ogni angolo, ma continuamo a togliere spazio, aria, cielo e libertà alla natura.

Difficile, in questi casi, convincersi che la scelta di tenere l’uccellino in gabbia abbia qualche altra implicazione che non sia il nostro personale egoismo. Alla nostra personale solitudine, suggerisce il buon senso comune, si può e si deve cercar rimedio altrove!


Per ulteriori novità rimani sintonizzato sui nostri canali google+twitterfacebook oppure iscriviti ai nostri Feed

Metti “mi piace” alla nostra pagina facebook